Cristiani contesta bilancio e azioni di Scrp

Casaletto di Sopra, 14 giugno 2018

Si prepara un’assemblea calda per i sindaci di Scrp perché è stata recapitata da parte del primo cittadino di Casaletto di Sopra, Luca Cristiani, una pepata lettera al presidente Pietro Moro. Argomenti sollevati: il bilancio e il valore della azioni.

Cristiani, che con un manipolo di una dozzina di sindaci non ha mai nascosto la volontà di uscire dalla società partecipata, ha chiesto a mezzo raccomandata lumi sul bilancio 2017, dichiarandosi stupito che per averlo sia necessario inoltrare una domanda scritta. “Ma è ancor più incredibile – scrive il primo cittadino – è l’impossibilità di poter avere la copia della perizia del valore delle azioni di Scrp, documento che determina il valore di recesso che diversi comuni intendono esercitare. Questo documento dovrebbe essere oggetto fondamentale di discussione nella prossima assemblea e, magari, oggetto di contenzioso legale, qualora il valore attribuito alle azioni non sia ritenuto congruo dai comuni che se ne vogliono andare dalla partecipata”. Per questi motivi Cristiani sollecita Moro a una maggior trasparenza e ad abbandonare l’ostruzione che da oltre tre anni viene messa in campo nei confronti di chi non la pensa come lui.

Nella foto, Luca Cristiani, sindaco di Casaletto di Sopra

© Riproduzione riservata

Share on Facebook